3 buoni motivi per bere il tè anche d’estate

Benessere delle vie urinarie: alcuni consigli per tenere lontana la cistite
29 maggio 2018
La Beauty Routine estiva per una pelle più luminosa, raggiante e compatta
27 giugno 2018

I motivi per bere Tè d’estate sono tantissimi, e ora vi voglio descrivere quelli che mi hanno conquistato maggiormente (oltre al gusto e al piacere di bere tè, ovviamente!) D’estate preferisco i tè freschi, quindi opto quasi sempre per un verde giapponese. Il Giappone ci regala una tale e tanta varietà di tè verdi che ogni giorno posso sceglierne uno dal sapore e dalle proprietà diverse: si va dal Gyokuro, fresco, dissetante, al Sencha primaverile, al Genmaicha con riso tostato, da solo o col Matcha (che adoro pasteggiando), o al più tostato Houjicha, che quest’anno ho anche scoperto nella versione in polvere (tipo Matcha) che è davvero ottima anche preparata con acqua fresca e che spesso bevo a colazione, proprio per questo suo particolare aroma tostato che mi ricorda da lontano le colazioni a base di orzo che mi preparava la mia nonna… E poi c’è lui: il Matcha, che in estate consumo a litri per le sue proprietà nutrienti che superano ogni altro tè verde e che da quando ho scoperto che è buonissimo anche sottoforma di gelato non riesco più a fermarmi!  I tè estivi amo preprarli a freddo e ne preparo sempre un bel pò in modo da avere la scorta da portare con me al lavoro nella mia tea mug termica. Li preparo in genere utilizzando un cucchiaio di tè verde (circa 6 grammi) in un litro abbondante di acqua a temperatura ambiente che agito bene e lascio in frigorifero per circa 2 ore. A questo punto filtro e ho il mio litro abbondante di tè per la giornata.

Veniamo però ai 3 motivi principali che convinceranno anche te sulla necessità di bere tè verde in estate:

  1. Innanzitutto il tè verde è una fonte preziosissma di sali minerali. In estate, con la sudorazione, perdiamo molti minerali con un conseguente aumento della sensazione di fatica sia fisica che mentale e un rallentamento di molte funzioni vitali, in quanto i sali minerali sono importanti per poter espletare al meglio moltissime reazioni e funzioni del nostro corpo. Ovviamente la quantità e il tipo di sali presenti nel tè variano molto e dipendono dal tipo di terreno nel quale la pianta è cresciuta, dal metodo di preparazione del tè, più o meno accurato e preciso, e dalla tipologia stessa del tè. Però, a grandi linee diciamo che il tè è una fonte di sodio, potassio, calcio, ferro, nikel, cromo, fosforo, cobalto e poi, a seconda che il terreno di crescita sia selenium-poor o selenium-rich, anche selenio che è un minerale importantissimo soprattutto per gli over 50. Inoltre, studi recenti hanno evidenziato che l’alluminio, minerale che è stato associato alla degenerazione cerebrale, è presente nel tè solo in tracce ed inoltre in una forma complessata e non come ione libero, il che lo rende molto meno assorbibile.
  2. Il tè è una fonte preziosa di vitamine: qui la variabilità è maggiore rispetto ai minerali, in quanto il contenuto di vitamine varia notevolmente tra tè verdi e tè più ossidati (quindi tè neri) e a seconda della qualità delle foglie (più è elevata, maggiore sarà il contenuto in vitamine). Comunque diciamo che il tè verde contiene vitamina C, vitamine del gruppo B, vitamina D e la vitamina K oltre a vari carotenoidi che in estate sono molto utili, soprattutto in chi si espone al sole. Qui dobbiamo anche dire che c’è una grossa differenza tra il tè infuso e la foglia vera e propria, per cui, per quanto riguarda il contenuto in vitamine, il tè verde Matcha grado cerimoniale è imbattibile.
  3. Studi relativamente recenti, tra cui uno molto interessante pubblicato sulla rivista scientifica “Current Drug Targets. Immune, Endocrine and Metabolic Disorders”, hanno evidenziato l’azione del tè, sia per uso topico che per ingestione, nella riduzione dei danni da raggi UVB. In pratica il tè agirebbe mediando l’inibizione dell’Interleuchina 10 associata alla diminuzione del processo infiammatorio conseguente all’azione dei raggi UVB, processo che sta alla base dell’azione nociva di questi raggi a carico dell’epidermide. Badate bene: questo non vuol dire che il tè ha un effetto di protezione solare, ma che semplicemente aiuta a ridurre alcuni degli effetti nocivi di tali radiazioni. La protezione solare è sempre d’obbligo, sia quella contro i raggi UVA che quella contro i raggi UVB. A questo proposito possiamo utilizzare la linea di solari SolarTea della Bema cosmetici che, oltre al fatto di essere biologica, contiene nella formulazione una buona quantità di  estratti di tè verde, bianco e nero! Puoi invece trovare qui invece un’ampia scelta di  tè, da quelli puri agli aromatizzati  per accompagnare queste calde giornate estive.

Ami il tè in estate? Hai provato a prepararlo a freddo e berlo fresco durante la giornata? Se vuoi saperne di più, contattami pure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Centro delle preferenze sulla privacy

Google Analytics

Utilizzato per inviare dati a Google Analytics in merito al dispositivo e al comportamento del visitatore. Tiene traccia del visitatore su dispositivi e canali di marketing.

_ga, _gid, _gat, _gtag

Chiudi il tuo account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?