Il Tè Benifuki, un alleato contro le allergie

Siliconi e Paraffine: che cosa sono e perché in genere sarebbe meglio evitarle
16 Ottobre 2021
La Pelle, come è fatta e perchè è importante prendersene cura correttamente
25 Ottobre 2021

Il Tè Benifuki è un Tè verde molto conosciuto in Giappone, non solo per il suo aroma, ma soprattutto perchè è un ottimo rimedio contro le allergie.

In realtà Benifuki è il nome della cultivar dalla quale si ottiene in genere un Sencha (Sencha Benifuki appunto), oppure un Tè in polvere tipo Matcha che, come vedremo, ha delle caratteristiche particolari.

La peculiarità di questa cultivar, alla quale ascrivere la sua azione antiallergica, è legata alla presenza di un particolare gruppo di catechine, i principali antiossidanti del Tè verde, rappresentato dalle catechine metilate, principalmente Epigallo catechina 3-O-metil gallato ed epigallo catechina 4-O-metil gallato.

Queste molecole, sono dei metaboliti secondari delle foglie del Tè che vengono distrutti durante i processi di ossidazione e pertanto il Tè nero proveniente da cultivar Benifuki non avrebbe questa proprietà. In quanto metaboliti secondari, al contrario di ciò che avviene normalmente per le catechine, e principalmente per l’Epigallo catechina gallato (EGCG), il più potente antiossidante dei Tè verdi, le catechine metilate sono maggiormente espresse nelle foglie mature, dalla terza in poi e nei raccolti più tardivi. Il Tè Benifuuki che è quindi più attivo da un punto di vista funzionale è ottenuto da foglie mature raccolte tardivamente (fine primavera o inizio estate).

Come agiscono le catechine metilate?

La loro azione antiallergica, che si manifesta anche come riduzione delle reazioni anafilattiche o reazioni allergiche di tipo I, è dovuta principalmente a:

  • Inibizione dei Mastociti, le cellule deputate alla liberazione di molte molecole implicate nella reazione allergica, quali l’istamina, i leucotrieni, responsabili, tra le altre cose, del broncospasmo, e l’acido arachidonico che è uno dei mediatori principali dell’infiammazione. Questa azione si esplica proprio mediante modifiche chimiche che portano ad una diminuzione dell’affinità del recettore delle IgE sulla membrana dei Mastociti.
  • Modulazione della secrezione di Interleuchina 2.

Si è visto, tra l’altro, che la somministrazione di Benifuuki non solo ha recato beneficio in pazienti con allergia da polline, ma anche in casi di riniti croniche su base allergica e in pazienti affetti da dermatite atopica, nei quali si è avuto un notevole miglioramento dei sintomi con conseguente riduzione di assunzione di corticosteroidi.

Un po’ di farmacocinetica:

Si è osservato che le catechine metilate rispetto all’EGCG hanno una Tmax più lenta così come una Cmax, ma hanno un’emivita decisamente più alta. Questo vuol dire che l’EGCG raggiunge una maggiore concentrazione plasmatica e in minor tempo rispetto alle catechine metilate, ma queste ultime restano in circolo a concentrazioni rilevanti per un periodo più lungo e quindi in sostanza la loro azione è più protratta nel tempo.

Tutti i Benifuuki agiscono allo stesso modo?

Ovviamente no! Per prima cosa va sempre, in ogni caso, valutato il loro grado qualitativo (facciamo attenzione al fornitore), poi diciamo che uno studio ha mostrato che la polvere di Benifuki può in alcuni casi essere più efficace dell’infuso a patto però che la sua granulometria sia molto piccola ovvero che non superi i 3 μm di diametro. Per ottenere questo risultato le foglie devono essere sottoposte ad un trattamento abbastanza rigido e spesso il loro costo sale. Ovviamente non parliamo di polvere liofilizzata solubile, ma di foglie polverizzate col metodo di produzione del Matcha, per intenderci. In Giappone si può facilmente trovare il Bnifuki in polvere e diciamo che il merito di bere un Tè in polvere è che ci permette di assumere molte più sostanze rispetto all’infuso classico, in quanto una buona percentuale di sostanze attive presenti nel Tè non sono idrosolubili quindi non passano in soluzione. In ogni caso diciamo che l’azione antiallergica del Benifuki ottenuto per infusione classica è buona ( le catechine sono idrosolubili) ed anzi, rispetto ad una polvere con granulomentria di 20 μm o più, tipica dei Tè in polvere di qualità non elevata, è preferibile l’infuso classico.

Per un buon effetto antiallergico si consiglia l’assunzione quotidiana di una o due tazze di Tè verde Benifuuki per circa 11-12 settimane.

Buon Tè ad ognuno di noi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *