Ansia: l’importanza del Drenaggio non solo della mente, ma anche del corpo e, soprattutto, del cuore!

Coltivare la “Prospettiva opposta” per trovare la gioia nei momenti difficili
16 Febbraio 2022
Come il Tè influisce sull’assorbimento del Ferro
23 Febbraio 2022

Iniziamo col dire che cos’è l’ansia, perchè partire dal significato di questa parola ci può essere di aiuto nell’affrontarla.

L’ansia è una sensazione che in genere è prodotta da quelle che sono le nostre aspettative nei confronti di una determinata situazione che ci troviamo a vivere. Un po’ perché si è già presentata in passato e ha avuto esiti non proprio positivi, un po’ perché le informazioni che ci arrivano non sono delle migliori, si innesca nella nostra mente un circuito per cui la paura, la preoccupazione e il nervosismo diventano eccessivi e dominano la nostra mente guidando in maniera distorta sia il nostro pensiero che, di conseguenza, il nostro agire, il modo in cui ci muoviamo nel mondo. Arriviamo così a vivere ogni situazione con un atteggiamento e una predisposizione d’animo di eccessivo allarme, che spesso ci porta anche ad atteggiamenti di evitamento e a rimpianti per come sarebbe andata se l’avessimo gestita in modo diverso…

Ovviamente parlo di sensazioni esagerate, in genere un po’ di ansia anticipatoria, attraverso una modica stimolazione surrenalica, ci porta a reagire positivamente, in quanto ha un effetto stimolante al punto giusto e corroborante sulle nostre performances. I problemi insorgono quando la risposta viene amplificata eccessivamente e guidata da un eccessivo allarmismo, tanto da iniziare a faticare a tenere tutto sotto controllo. Ovviamente questi sintomi mentali dell’ansia possono spesso essere accompagnati da sintomi fisici quali eccessiva sudorazione, accelerazione del battito cardiaco, respiro corto o affannoso, vertigini e talvolta anche tremori.

Siamo sempre più propensi ad attribuire le crisi d’ansia ad una situazione esclusivamente mentale ed è proprio alla mente e al sistema nervoso in generale che ci rivolgiamo quando siamo in preda all’ansia. In realtà l’approccio più idoneo per poter gestire bene la situazione e riuscire a tenerla sotto controllo, è, secondo me, quello di rivolgere la nostra attenzione a tutto il corpo, con un atteggiamento che in gergo è definito atteggiamento olistico. Mi sono accorta che spesso il termine olistico viene confuso con esoterico, spirituale e o comunque poco scientifico, in realtà olistico significa semplicemente “che riguarda tutto l’insieme, nel complesso” e un atteggiamento olistico è quindi quello che prende in considerazione l’intero organismo per affrontare un sintomo. Pertanto, avere un atteggiamento olistico nei confronti dell’ansia significa avere riguardo non solo per la mente, ma anche per tutto il resto del corpo.

Tempo fa ho seguito un corso di aggiornamento col Dr Lupardini, uno psichiatra esperto in medicina complementare, ed è stato uno dei corsi più illuminanti che io abbia mai seguito, perchè mi ha introdotto all’importanza, in presenza di uno stato d’ansia, del coinvolgimento di 3 elementi: la mente, il corpo e il cuore. E mi ha fatto capire l’importanza del drenaggio di tutti questi sistemi come approccio curativo per l’ansia. Questo ha rivoluzionato in maniera decisamente positiva il mio approccio nel consiglio al cliente che si rivolge a me, con risultati sorprendenti.

Vediamo un po’ come si può effettuare il drenaggio di questi 3 elementi, perchè se quello del corpo viene abbastanza naturale, non lo stesso possiamo dire per cuore e mente.

Iniziamo dal drenaggio fisico: allontanare le tossine dal corpo ci aiuta a liberarci di tutte quelle molecole che intasano il nostro organismo. Significa spazzare via tutte quelle sostanze che ne ostacolano il suo normale funzionamento. Le tossine infatti si depositano negli organi, non solo all’interno delle cellule, ma anche nella matrice extracellulare, ostacolando la trasmissione di impulsi, ad esempio, ma anche rallentando moltissime altre funzioni. Ripulire il corpo significa far sì che tutto funzioni al meglio ed elevare quindi anche il nostro stato d’animo.

I prodotti che più mi piacciono per effettuare un drenaggo sono i Fitoembrioetratti. La loro azione è pronta e profonda per un drenaggio completo. Per ulteriori informazioni sulla Fitoembrioterapia, questo è l’articolo che ho scritto per il Blog Generiamo Salute.

Come drenare il corpo? Il leader del drenaggio a livello fisico è il Drenaggio FEE. E’ un prodotto che va ad agire in profondità non solo eliminando i liquidi in eccesso, ma anche eliminando le tossine. C’è infatti una profonda differenza tra diuretico e drenante: il primo è preposto principalmente alla eliminazione di liquidi e solo pochi soluti, mentre il secondo fa una vera e propria pulizia eliminando anche i soluti di scarto quali appunto le tossine. E il Tè da abbinarci? Anche qui facciamo attenzione, perché la prima cosa che ci viene in mente quando parliamo di drenaggio è di solito il Tè verde, ma non tutti i tè verdi sono adatti. Questo Tè è infatti più orientato in genere ad un’azione diuretica e non drenante e finirebbe per seccare senza ripulire! Vi sono però alcuni tè verdi che possiedono anche una natura più drenante, il più canonico è per me il Bi Luo Chun, ma anche il Long Jing o il giapponese Kabuse. Lo potete trovare in questa HealTea Time box che ho creato appositamente.

All’azione drenante sul fisico va abbinata quella drenante sulla mente. Drenare la mente significa eliminare tutti quegli ostacoli che rendono poco fluido il nostro pensiero, che ci ingabbiano in schemi precostituiti i quali ci portano a perpetuare le nostre paure e a ripetere gli stessi schemi comportamentali. Drenare la mente ci aiuta a capire che c’è un’altra possibilità, che ci sono varie scelte che possiamo fare e altre vie che possiamo percorrere e che con un atteggiamento più aperto possiamo ottenere un miglior risultato. Drenare la mente è un compito non facilissimo, ma ci sono alcuni prodotti che possono aiutarci: uno di questi è il Tiglio FEE, un prodotto fatto apposta per drenare la mente e distoglierla da tutti quei pensieri che la annodano. Non solo pensieri ossessivi, ma anche quelli che io chiamo distruttivi, ovvero i pensieri che ci portano ad autoboicottarci. Significa andare ad eliminare quel filtro che ci fa percepire le sensazioni di pericolo in maniera distorta, recependo come pericolo e allarme in situazioni che in realtà non ne dovrebbero avere. Il Tè più adatto? Senza dubbio il Gabaron, un Tè ricco di Gaba, il neurotrasmettitore inibitorio per eccellenza del nostro organismo (in Parafarmacia lo chiamiamo scherzosamente il Tè antiansia!) che infatti ho inserito in questa HealTea Time box per il drenaggio mentale.

Il Drenaggio del Cuore è quello più difficile di tutti, ma è quello che, inaspettatamente, ci può dare maggiori risultati in termini di atteggiamento antiansia. La sua importanza la possiamo capire considerando il raggio d’azione del suo campo elettromagnetico: 8 metri contro un unico metro di quello della mente! Questo significa che quando siamo immersi nel nostro ambiente, l’organo che percepisce le informazioni, le sensazioni da trasmettere alla mente, è proprio il cuore, non è la mente che le percepisce da sé! Il cuore recepisce le informazioni, le trasmette alla mente che poi le elabora e le converte in atteggiamenti e comportamenti coinvolgendo il corpo (ecco perchè è importante drenarli tutti!). Ecco quindi che drenare il cuore significa raggiungere la possibilità di interiorizzare positivamente ciò che ci accade, ciò che ci arriva dall’esterno, dall’ambiente in cui viviamo. Ci sono tanti modi per drenare il cuore, uno di questi è la meditazione, ad esempio, il soffermarci a guardarci dentro per capire esattamente quali sono i nostri desideri e a che cosa ambiamo, cosa ci piace e cosa non ci piace fare ed essere. Può essere di aiuto questo altro mio articolo in cui parlo di come coltivare la prospettiva opposta, una condizione che può aiutare entrambi: mente e cuore. Questo è già un buon inizio, ma se vogliamo potenziare il drenaggio cardiaco il mio consiglio è quello di provare il Lillà FEE, un prodotto proprio specifico per questa tipologia di drenaggio. Non ho potuto non abbinarlo al Genmaicha, il tè verde giapponese che è emblema del drenaggio cardiaco in questa HealTea Time Box.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *